Il cibo nazionale è il migliore

0
230

Secondo il nuovo sondaggio dell’Eurobarometro, per la cui realizzazione sono stati intervistati oltre 26˙500 cittadini europei dai 15 anni in su in tutti i 27 Stati membri dell’UE, più del 90% dei cittadini europei ritiene che qualità e prezzo siano fattori determinanti al momento dell’acquisto di prodotti alimentari, seguiti dall’origine degli alimenti (71%) e dalla marca (47%).

Relativamente alla questione dell’origine geografica degli alimenti, in ogni Stato membro, ad eccezione dei Paesi Bassi (47%), più della metà degli intervistati considerano questo fattore importante. Tuttavia si riscontrano differenze nei livelli di importanza attribuiti nei vari Stati membri: agli estremi si trovano da una parte la Grecia (90%) e l’Italia (95%); dall’altra il Regno Unito (52%) ed il Belgio (56%).

I marchi di qualità sono importanti per i due terzi degli intervistati e, rispetto agli scorsi anni, i loghi di qualità adottati dall’UE sono oggi più noti ai cittadini. Il sondaggio rivela infatti che il 24% degli intervistati riconosce il logo biologico dell’UE, a meno di due anni dal suo lancio.

Per quanto riguarda la sicurezza dell’approvvigionamento alimentare, tre quarti dei cittadini dell’UE dichiarano di nutrire preoccupazioni riguardo alle sfide poste dal sostentamento della popolazione mondiale.

Tuttavia, meno del 60% degli intervistati esprime preoccupazioni riguardo alla capacità dell’Unione europea e degli Stati membri di soddisfare il fabbisogno alimentare delle loro popolazioni. Sulla scorta di questi risultati l’84% degli intervistati concorda sul fatto che l’UE dovrebbe aiutare i paesi terzi ad accrescere la loro produzione alimentare. Circa l’81% degli intervistati ritiene inoltre che l’Unione europea dovrebbe aumentare la propria produzione alimentare per ridurre la sua dipendenza dalle importazioni e il 77% pensa che l’UE dovrebbe produrre di più per soddisfare il fabbisogno dei suoi cittadini e la domanda dei paesi terzi.

Per quanto riguarda la relazione tra agricoltura e paesaggio rurale, la maggior parte dei cittadini dell’UE ritiene che l’agricoltura contribuisca positivamente a preservare le zone rurali: in particolare, l’81% degli intervistati ritiene che l’agricoltura sia benefica per l’ambiente, l’86% che contribuisca alla bellezza del paesaggio e l’89% che concorra a proteggere le zone rurali

LASCIA UN MESSAGGIO

Inserisci il tuo commento
Per favore, lascia qui il tuo nome