Attacchi alla stampa ledono libera manifestazione pensiero

“Ogni attacco agli organi di stampa rischia di ledere il principio costituzionale di libera manifestazione del pensiero”.

0
29
Attacchi alla stampa ledono libera manifestazione pensiero

“Ogni attacco agli organi di stampa rischia di ledere il principio costituzionale di libera manifestazione del pensiero”. Così l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni a sostegno del pluralismo dell’informazione.

Il tutto nella giornata in cui la Federazione nazionale della stampa ha organizzato una serie di flash mob nelle città italiane a difesa della stampa e dei giornalisti, sotto attacco negli ultimi giorni da parte del Movimento Cinque Stelle. L’Agcom, si legge in una nota, “sottolinea l’esigenza di un’informazione libera, pluralista, rispettosa della dignità delle persone, del ruolo delle forze politiche e dell’autonomia professionale dei giornalisti. Segnala pertanto che ogni attacco agli organi di stampa rischia di ledere il principio costituzionale di libera manifestazione del pensiero, che è alla base del pluralismo dell’informazione e del diritto di cronaca e di critica”. All’insegna dello slogan “giù le mani dall’informazione”, i giornalisti italiani saranno in piazza oggi in tutte le regioni per “difendere la libertà di stampa – scrive la FNSI – e contrastare la deriva di un linguaggio della politica fatto di insulti e minacce a chi ogni giorno svolge il proprio dovere di informare i cittadini. Attacchi a una categoria di professionisti, ma soprattutto all’articolo 21 della Costituzione e ai valori fondamentali della democrazia, che mettono a rischio il diritto ad essere informati”. La FSNI e le associazioni regionali hanno organizzato una serie di flash mob nelle piazze per dire “Basta attacchi ai giornalisti” e “Giù le mani dell’informazione”. Altri due eventi sono previsti a Bruxelles, organizzati dalla Federazione europea dei giornalisti, e a Londra ad opera dei freelance italiani che lavorano per i quotidiani della capitale inglese.

LASCIA UN MESSAGGIO

Inserisci il tuo commento
Per favore, lascia qui il tuo nome