La UE ha dichiarato guerra alla plastica, dal mare alle spiagge

La plastica rappresenta l’85% dei rifiuti marini

0
25
La UE ha dichiarato guerra alla plastica, dal mare alle spiagge.

La guerra a un mondo di plastica ormai è partita. Ed è una guerra tutto campo per arginare la quantità prodotta all’anno nel mondo, che è di 322 milioni di tonnellate, di cui 8 finiscono negli oceani.

La plastica rappresenta l’85% dei rifiuti marini e dal 2050, secondo la Ellen McArthur Foundation, con questi ritmi potrebbe superare la quantità di pesci nei mari. Della crociata si è fatta paladina l’Unione europea, promotrice di un’economia circolare, con una nuova strategia di azione approvata in gennaio dalla Commissione europea e sulla quale governi, istituzioni e imprese si stanno ora misurando. L’obiettivo della Ue qual è? Quello di rendere riciclabili o riutilizzabili entro il 2030 tutti gli imballaggi di plastica immessi nel mercato e di riciclare almeno il 50% dei rifiuti plastici generati in Europa. Dando, inoltre, una seconda vita in forma di prodotto ai materiali raccolti (si parla di almeno 10 milioni di tonnellate di plastica riciclata che a partire dal 2025 dovranno trovare una collocazione di mercato) e stimolando, anche attraverso un apposito fondo, l’innovazione nel settore, per migliorare la qualità oltre che la quantità di quanto recuperato. Nell’Unione meno del 40% degli imballaggi di plastica oggi vengono riciclati (dati 2014) contro il 15% a livello mondiale. In Italia siamo al 43% (dati Corepla) ma con gravi emergenze, ad esempio in mare.

A cominciare dall’arcipelago toscano, dove il Cnr ha isolato il più imponente vortice di microplastiche del Mediterraneo occidentale, con picchi di concentrazione pari a 10 chilogrammi per chilometro quadrato. E sui tanti chilometri di spiagge della nostra penisola. Dall’inizio dell’anno a oggi, i volontari di Legambiente ne hanno pulite almeno 500 rimuovendo circa 180 mila tra tappi e bottiglie, 96 mila cotton fioc e 52mila tra piatti, bicchieri, posate e cannucce di plastica. Il 70-80% dei rifiuti marini (marine litter) è generato proprio da questi prodotti monouso, una decina i principali, e dagli attrezzi da pesca persi o abbandonati. La Ue, in maggio, ha proposto nuove norme per gli “usa e getta” di plastica, vietando entro due anni dal varo della direttiva (al vaglio ora di Parlamento e Consiglio d’Europa) la vendita di bastoncini cotonati, posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande, aste per palloncini – per i quali esistono già valide alternative – mentre per assorbenti e salviette umidificate, ad esempio, difficili da sostituire, si dovrà provvedere a scrivere in etichetta che producono un impatto negativo sull’ambiente.

Ce n’è anche per i contenitori di bevande, che entro tre anni dalla pubblicazione della direttiva saranno ammessi solo se i tappi e i coperchi rimangano attaccati, e per i contenitori di alimenti, scatole e vassoi per il fast food, oggetto di una importante riduzione nell’arco di 6 anni. Verranno istituiti, inoltre, regimi di responsabilità estesa dei produttori per i prodotti in plastica monouso immessi nel mercato dell’Unione europea. Infine, entro il 2025 gli Stati membri dovranno raccogliere annualmente il 90% delle bottiglie di plastica monouso immesse sul mercato. La futura direttiva, secondo Bruxelles, eviterà danni ambientali che costano agli europei 22 miliardi di euro e farà risparmiare 6,5 miliardi di euro ai consumatori, abbattendo di 3,4 milioni di tonnellate le emissioni di Co2. Restrizioni sì, ma anche incentivi, che secondo i legislatori faranno bene all’economia e che riguardano la ricerca, l’innovazione e l’ecodesign per poter creare imballaggi più sostenibili.

Articolo precedenteNon solo dolci: Tutti gli utilizzi del miele.
Articolo successivoLa spesa di Ottobre è dolcissima
Jenny Ruggeri
Jenny Ruggeri (1966) nasce a Messina e conseguiti gli studi nella città natale, dove si laurea in Lettere Moderne presso la Facoltà di Lettere e Filosofia, si trasferisce a Bergamo per insegnare nelle scuole bergamasche. Dopo dieci anni di insegnamento matura l’idea di fare qualcosa di diverso dalla docenza. Ha studiato e studia gli eruditi grammatici (Plinio, Fulgenzio, etc.) i lirici (Catullo, Orazio, Properzio) ed i narratori (Petronio ed Apuleio). Nel tempo libero si diletta a scrivere racconti e novelle. Collabora con alcune testate giornalistiche ed è proprietaria dal 2003 di un giornale a tutela e difesa del consumatore (Customer Care Service).

LASCIA UN MESSAGGIO

Inserisci il tuo commento
Per favore, lascia qui il tuo nome