Pazienza e shopping, Tiendeo: dopo 11 minuti di coda, mollo tutto.

Il 56% degli italiani non sia disposto a superare gli 11 minuti di coda alle casse

0
47
Pazienza e shopping, Tiendeo: dopo 11 minuti di coda, mollo tutto.

“Jingle bells, jingle bells, jingle all the way, Oh what fun it is to ride In a one-horse open sleigh”… Eh già, sarebbe bellissimo poter aver una slitta e corre da una parte all’altra della città per comprare tutti i regali, gli addobbi e gli ingredienti per i pranzi e le cene senza dover fare attese infinite davanti ai banconi delle casse.

Tra folle di gente a passeggio per strada, nei centri commerciali e il traffico impazzito, durante il periodo natalizio, la pazienza diventa una risorsa preziosa e, in alcuni casi molto scarsa. Il ritmo frenetico tipico degli acquisti, sommato agli impegni e ai preparativi natalizi, fanno sì che il 56% degli italiani non sia disposto a superare gli 11 minuti di coda alle casse. Ciò avviene in diversi tipi di negozi e nelle principali categorie merceologiche (supermercati, elettronica, giocattoli e negozi di abbigliamento). All’estremo opposto troviamo invece il 31% di coloro che sono disposti invece ad aspettare più di 20 minuti per ottenere l’acquisto desiderato. A calcolare il tempo medio di attesa “prima dello sclero” è uno studio condotto da Tiendeo.it, la piattaforma di offerte geolocalizzate e cataloghi. Le infinite code possono rappresentare un motivo decisivo per rinunciare all’acquisto di determinati articoli. Ciò è quanto conferma una parte importante degli intervistati. Secondo il sondaggio, infatti, quasi il 40% degli intervistati preferisce lasciare il negozio e andare in cerca di alternative: altri negozi che vendono lo stesso prodotto, oppure effettuare l’acquisto online. L’ampia gamma di possibilità alla portata dei consumatori costringe i retailer a ottimizzare in modo significativo l’esperienza nel negozio fisico per cercare di ridurre al minimo la possibilità di perdere la vendita. Ad essere meno pazienti sono gli uomini che non tollerano neanche un secondo in più oltre il limite massimo degli 11 minuti soprattutto quando si tratta di comprare giocattoli (72%) e vestiti (70%). Malgrado i social network siano alla nostra portata, sempre e ovunque, e siano spesso impiegati per ingannare le attese, è interessante notare che solo il 16% degli italiani li utilizzi mentre è in coda a Natale. Un significativo 71% si integra nell’ambiente, prestando attenzione al comportamento delle persone che ha intorno e persino parlando agli altri. Il momento dell’acquisto di giocattoli per i più piccoli risulta spesso complesso e difficoltoso. Per questo motivo, e causa delle ingenti concentrazioni di masse di clienti che si affollano nei negozi, sono proprio i giocattoli (40%), seguiti da elettronica (38%) e abbigliamento (36%) la categoria merceologica in cui la tolleranza in coda si riduce ai minimi termini. Per questi acquisti la tendenza più diffusa è quella di cercare alternative in altri punti vendita, o realizzare gli acquisti attraverso i canali online. Invece per quanto riguarda l’acquisto cibo (35%) si preferisce posticipare l’acquisto e tornare al supermercato in un momento più tranquillo. Mano ai cronometri allora! E che la forza (della pazienza) sia con noi.

LASCIA UN MESSAGGIO

Inserisci il tuo commento
Per favore, lascia qui il tuo nome